Torna Indietro

Aumento richiesta mutui primo trimestre 2016

12.05.2016

Fonte: Euribor.it

Nel primo trimestre del 2016 la richiesta di mutui è cresciuta del 31% rispetto allo stesso periodo del 2015. Lo rileva Crif nel suo consueto Barometro sull’andamento dei finanziamenti in Italia.

Uno dei motivi che spinge il rafforzamento continuo della domanda di credito è sicuramente il livello basso dei tassi di interesse. A marzo, secondo l’ABI (Associazione Bancaria Italiana), il tasso medio dei mutui per l’acquisto di abitazioni è sceso al 2,36%, registrando il nuovo minimo storico.

La scelta di accendere un mutuo è incoraggiata anche dai prezzi delle case stabili, che dopo anni di ininterrotta flessione, hanno cominciato a segnare un +0,2%. Una crescita debole ma comunque la ripresa c’è.

Tra i fattori positivi si deve tenere presente anche la politica monetaria della Bce, che ha favorito una maggiore flessibilità da parte degli istituti di credito, i quali stanno cominciando ad erogare mutui con meno timori del passato e finalmente con spread più convenienti rispetto a un paio di anni fa.

I segnali ci sono e sono incoraggianti. La ripresa graduale del credito può rappresentare uno dei principali settori trainanti per la crescita italiana e dell’Eurozona.

#